Racconto Polittico da Bar Italia Sez. Memorie di una sbornia

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Racconto Polittico da Bar Italia Sez. Memorie di una sbornia

Messaggio Da stringalove il Sab 25 Mar 2017, 06:46

Polittico da bar Italia
La luce pennella i miei grigi ma non mi riscaldo di impennate cromatiche e di variopinte evasioni.
Un coriandolo di mondo scivola nella cilindrica variabilità di un caleidoscopio.
Creo visivamente frattali di gente, che si accostano, combaciano e poi divergono come una metafora prima di amore e poi di polemica, quasi quasi poi schizzando via come un'esplosione di vetri.
Ed è guerra: bombe ricamate di pizzo deflagrano tra mani appassionate infervorate da maquillage storpiato dallo spasimo.
Stropiccio carta patinata, appallottolata poi la getto per terra.
Il calore ed il colore ascoltano il chiasso di un pianeta antropomorfo, amplificano i silenzi, decodificando i mugugni, i proibiti desideri, le impurità non rivelate, ed i bagliori nascosti di pietre preziose e di sputi che decorano sprezzanti cornici animate.
Uomini, tanti uomini, dentro una metafora, stretti troppo stretti, compressi in un concetto come glutei inarcati dentro un tubino, colmano lacune di talento con eccelse fogge di moda adornate di scampoli di nobiltà comprata, nelle favelle serali impacciate e vinose, nelle mattine vellutate che si impastano di caffè e sublimi propositi, tra sudori insipidi ed inchini sussiegosi verso idoli burocratici generati non creati.
Preghiere sfuggono come serpenti di rubino e cachemire, come mistiche visioni decorate di arabeschi e di incensi commerciali, durano nel loro intenso ardere il tempo di un'estemporanea deificazione di quello che passa davanti agli occhi, filtrato dal vetro illanguidito dalle isole di ghiaccio di un drink appena trangugiato.
L'ubriachezza agita come una bottiglia semivuota il caleidoscopio, la polvere la sospende nel bilico vacillante tra narici e petto, tra gomiti assiepati che calpestano il bancone.
Nel mare angusto gli uomini nuotano dentro la loro stessa poltiglia, come vascelli di giunco dentro un bicchiere, sognando Atlantide nell'appannarsi del vetro ad ogni avido sorso.
I sensi si accendono dietro maliziosi strati trasparenti, punti da spigolosi capezzoli e gocciolanti esortazioni al piacere puro, alla carne trafitta da spade spuntate e flaccide dopo tensioni belliche estenuanti su soffici alcove.
Mi appaiono suadenti le parole miagolate, le labbra morse, i seni lucidati come pomi di cera, i sorrisi tracciati con il compasso lasciando sospeso il senso carnivoro e le sue bave, filanti e collose che seguono il fiato caldo nell'addentare umanità e corpi passivi beati.
Non palpo noia, quella stessa che indosso qua, né intonaci scrostati, né pensierosa solitudine: vedo rotondità adornata di porpora e chincaglieria, apprezzo i sentori di un profumo economico sporcato dal cognac e dal tabacco fumato senza filtri.
Il vento spazza via la cenere.
Il colore non si spegne, il grigio è solo qua dietro i miei occhi, dietro la mia nuca, attorno al prigioniero del suo vizio liquido.
Beatitudine vestita di rosso, appassionata in una stanza promiscua, tra liquidi stagnanti di un piacere passato ed i sibili tentatori emessi da bocche che sfiorano ingenuamente dita e golosità genitali.
Il politico urla, versa il fango di lettere nel truogolo scavato nel centro città, riempie sguardi bassi trasformandoli in grugni annuenti nell'eco rarefatta e prezzolata di ogni applauso, poi divaga sui timpani distratti da melodie facili e quotidianità irrisolte dall'enfasi vile di un'ovazione.
Rete invoca la folla, rete reclama la corolla blasfema di uno stadio: la rete si gonfia di zolle a mezz'aria, cuoio turgido sferzato da arti tatuati da tribalismo pagano tra vapori di sudore e concime.
Il liquore scende nella gola, travolge un pasto non digerito che annaspa tra sensi di colpa ed ansioso gonfiore nel suo limbo gastrico.
Il serpente striscia su un altro serpente che striscia su di un altro ancora concentricamente, e tutto quello che vi è dentro soffoca senza morire, perde i sensi dopo averli ingrossati con tutto sé stesso.
Una croce si riempie di fiori e diluisce i suoi simboli, tra piogge dorate e saliva, tra tuoni perversi e romantici fruscii di banconote accarezzate e pizzicate da dita celeri.
La mia parola resta fuori dall'oculare, intrappolata nella mia bocca come un fallo esangue, aperta il tempo del solito abulico respiro tra gocce di sambuca.
Esco dai quadri del bar, foderato di rumorismo persistente, non occorre una tavolozza per dipingere un letto di silenzio bianco.

stringalove
Inchiostro Bianco
Inchiostro Bianco

Messaggi : 3

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Racconto Polittico da Bar Italia Sez. Memorie di una sbornia

Messaggio Da Camillo Naccari il Ven 28 Apr 2017, 12:04

L'uso dela prima persona è una grande risorsa per veicolare in modo diretto una dimensione personale, onirica o di uno stato di ebbrezza emotiva. Questo però, se da un lato è un grande vantaggio espressivo dall'altro limita il necessario distacco che l'autore può avere attraverso l'uso della terza persona. Nello specifico, è ben riuscito l'effetto di trascinare il lettore dentro "una sbornia", ma questo effetto sovrasta il messaggio, la narrazione logica ne soffre ed il lettore medio potrebbe non capire il senso del racconto. E' senza dubbio un polittico, che collega vari stadi d'incoscienza, ma secondo il mio modesto parere andavano collegati ad un perchè finale, la rappresentazione pura di un effetto potrebbe non soddisfare il lettore.
avatar
Camillo Naccari
Inchiostro Bianco
Inchiostro Bianco

Messaggi : 21

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Racconto Polittico da Bar Italia Sez. Memorie di una sbornia

Messaggio Da irene caliendo il Gio 18 Mag 2017, 14:03

Buona l 'idea di descrivere la sbornia dal dentro ma manca la struttura letteraria di un racconto. concordo col commento precedente circa il collegamento mancato.

irene caliendo
Inchiostro Bianco
Inchiostro Bianco

Messaggi : 4

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Racconto Polittico da Bar Italia Sez. Memorie di una sbornia

Messaggio Da Francesca Facoetti il Ven 23 Giu 2017, 16:26

Sono d'accordo con irene, buona l'idea di descrivere la sbornia dal di dentro, ma l'ho trovato un po' noioso come racconto; è un racconto? o una memoria personale? io mi aspettavo di fare delle grasse risate sulla memoria della sbornia invece boh, forse mi sono persa nei capezzoli... la sbornia non l'ho vista mica tanto, se non in piccoli minuscoli riferimenti e in niente altro che lenzuola bianche (da morto?)
non prendertela ma se devo commentare ... poi non mi è chiaro, chi partecipa a una sezione (io Francesca Facoetti parteciperò) deve commentare entrambe le sez. o solo la sua?

Francesca Facoetti
Inchiostro Bianco
Inchiostro Bianco

Messaggi : 28

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Racconto Polittico da Bar Italia Sez. Memorie di una sbornia

Messaggio Da Francesca Facoetti il Dom 25 Giu 2017, 11:34

ho controllato il bando, e tutti i generi letterari sono ammessi, per cui anche la tua sorta di sfogo personale che, comunque, non incontra i miei gusti

Francesca Facoetti
Inchiostro Bianco
Inchiostro Bianco

Messaggi : 28

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Commento

Messaggio Da Macleo il Dom 02 Lug 2017, 15:32

Se l’avessi letto senza sapere quale era la traccia, non sarei mai riuscito a indovinarla. È vero che c’è qualche accenno all’alcol, ma è anche vero che c’è qualche accenno a qualsiasi cosa. Sinceramente, sono perplesso. Ogni frase mi sembra staccata da quella prima e da quella dopo, come pure ogni frase potrebbe essere geniale, raffazzonata o frutto proprio di una grande bevuta. Quindi non sento poco in grado di commentare, né tanto meno giudicare. Di fronte a questo racconto, sempre che sia un racconto, mi sento inadeguato e privo di strumenti validi. Da una parte potrei sentirmi attirato e quasi affascinato, dall’altra il mio radicato senso logico e sistemico si ribella alla lettura e le parole scorrono sul video senza catturare la mia attenzione, né tanto meno la mia comprensione. Mi arrendo.
avatar
Macleo
Inchiostro Bianco
Inchiostro Bianco

Messaggi : 35
Età : 68
Località : Bormio

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Racconto Polittico da Bar Italia Sez. Memorie di una sbornia

Messaggio Da AndrewLaeddis il Lun 03 Lug 2017, 12:13

Beh, non so è di sbornie che si parla qui, ma il racconto - ammesso che possa definirsi tale - mi è piaciuto per il lessico ricco e per il caos di questo mondo, l'enigma dentro un enigma adagiato sul fondo di un liquido torbido in una bottiglia incrostata di macchie umane, che in questo caso si cela dietro belle paroli e frasi a mio parere costruite con sapienza. Ti consiglierei di togliere le d eufoniche, sono davvero orribili.
avatar
AndrewLaeddis
Inchiostro Giallo
Inchiostro Giallo

Messaggi : 472

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Racconto Polittico da Bar Italia Sez. Memorie di una sbornia

Messaggio Da Erikakicca il Gio 06 Lug 2017, 14:49

Sarebbe bellissimo come pezzo all'interno di un racconto più lungo, così sembra una riflessione fibe se stessa. Ottima scrittura.

Erikakicca
Inchiostro Bianco
Inchiostro Bianco

Messaggi : 10
Età : 33
Località : Giavera del Montello

Vedi il profilo dell'utente http://reginacenerentola.blogspot.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Racconto Polittico da Bar Italia Sez. Memorie di una sbornia

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum