Esce "Dimettersi dall'avuto" di Stefano Bolla editrice LietoColle

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Esce "Dimettersi dall'avuto" di Stefano Bolla editrice LietoColle

Messaggio Da emanuelacina80 il Mer 23 Lug 2014, 10:46

LietoColle di Michelangelo Camelliti – 74 pp, cm. 14,50 x 20,50, peso 130 gr. – Prefazione di Silvia Longo

La poetica di Stefano Bolla ruota attorno a un nucleo denso di consapevolezza: quella di chi in qualche modo ha da tempo smesso la leggerezza dell’esistere, ma mai quella legata alle infinite possibilità della parola. In sintesi, e come se trasferisse il piacere eli giocare ancora nei colpi di coda delle sue liriche, che spesso sdrammatizzano quanto espresso nei versi precedenti. Quasi un monito a non prendersi troppo sul serio, almeno nel momenta in cui si esercita la libertà per eccellenza: il momento della scrittura.

Pervasi da una conoscenza rispettosa dei poeti della tradizione italiana, dal Dolce Stil Novo ad oggi, i versi di Stefano Bolla conservano nella forma un alone dii classicità, che viene però stemperata dal tono, a tratti educatamente irriverente e autoironico.

Ricorre il tema della fugacità della gioia, di come i sogni abbiano breve vita (tanto che ci si tutela tarpando loro le ali sul nascere), e si intuisce il rammarico per la perdita dell’eta migliore, quella in cui è ancora possibile azzardare speranze e progetti.

Vengono spes so citati luoghi geografici e persone, che altro non sono se non la rappresentazione dii stati d’animo dell’autore o di un momento della sua esistenza: cosi Carlotta è la ragazza dei bracciali e forse l’amore giovanile (o addirittura il senile sognato). Firenze è la città dove l’amore è naufragato in modo definitivo, il pianista è la musica e la Bellezza che suscita, i luoghi dell’infanzia sono la malinconia che affiora nel rivederli.

La sezione quarta, “Incontri ed altro”, evidenzia la capacita evocativa dell’autore nel raccontare vere e proprie storie, viaggi lunghi una vita suggeriti con lievi tratteggi e sfumature e condensato in pochi versi, come fiato su un vetro.

Per tutto il tempo, Stefano Bolla ci conduce nel suo mondo autunnale con educazione e fermezza. Commuove, ma subito ritratta: per

non appesantire, per non indulgere nell’autocompiacimento. Sino in fondo, chiudendo questa raccolta con “Ultima arringa del fantoccio carnevale”: se è vero che cenere eravamo e cenere saremo, per dio, adesso siamo vivi. E che festa sia, fin quando dura.

(Silvia Longo)

Stefano Bolla – l’autore
E’ nato ad Alba (Cuneo) nel 1956 dove vive e lavora. Ha partecipato nel corso degli anni, sporadicamente, a qualche concorso locale di poesia.

Questa sua prima raccolta è il frutto di una scelta dei suoi testi scritti in quasi trenta anni.

N.B. spedizione a mezzo raccomandata compreso nel prezzo

http://www.lietocolle.com/2013/12/stefano-bolla-dimettersi-dallavuto-2/

emanuelacina80
Inchiostro Bianco
Inchiostro Bianco

Messaggi : 11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum