elogio dell'ira

 :: Vetrina Autori :: Opere :: Laretta

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

elogio dell'ira

Messaggio Da laretta il Dom 15 Set 2013, 20:39

ELOGIO DELL'IRA

-Hai sentito di Andrea?-
-No,che ha fatto?-
-Dicono si sia scopato la Borselli.-
-Cosa?No, dai , non è vero...è solo una voce!Non ci credo!-
-Ah, e secondo te gli occhi vedono le voci di corridoio? Li ho sgamati io, sulle scale antincendio...sai,quelle sul retro. Lei stava...-
-Okay, okay,lascia stare. Niente dettagli,grazie.-.
Il locale era immerso in una lieve luce rosseggiante, soffusa. Sul palco, un giovane gruppo suonava e cantava jazz.
-I Jack Daniel's?- chiese il barista.
-Qui, amico!- gli rispose Luca. -Allora, domani, che si fa?-
-Io non ci sono- rispose Anna.
-Che fai domani di tanto urgente, sentiamo?-
-Ehm... un esame di anatomia, per esempio?-
-Va bene... ho capito.-
-Che hai capito, sentiamo?-
-Che con me non ci vuoi uscire- . I due risero.
-Ma 'sta zitto, scemo! -.
-A cosa brindiamo?- . Ci pensarono per qualche secondo, poi lei propose:
-Al JD!- . Lui finse di pensarci su.
-Mi piace questo brindisi! Sì, oka, a JD , il miglior amico che una persona possa avere!-.

Luca e Anna sono una giovane e di recente formazione coppia.
Luca è il tipico cascamorto, anche se da questo dialogo non sembrerebbe: li abbiamo presi in un momento di serenità reciproca. Biondo, occhi chiari, gli piace godersi la vita.
Anna è una studentessa di medicina, che però sa anche prendersi i suoi momenti di tranquillità. E' molto innamorata di Luca. Ed è anche più grande di Luca.

I giorni passarono, e passarono i mesi. Sembrava che tutto andasse a gonfie vele, ma Anna fu sempre più occupata dalla facoltà, e i due si videro sempre meno. Un giorno, Luca va a casa di Anna e le spiega che non vuole più proseguire la sua relazione con lei. Non si vedono mai, non c'è più la complicità di un tempo. Lei all'inizio ci resta male, ma si riprende relativamente in fretta, dopo due anni di crisi psico-esistenziale e tre anni di terapia.

***************************************************************************

-Cazzo...- . La coda era lunghissima in autostrada. Quello non era un ingorgo: era un ammasso di ferro e metallo. Probabilmente quella strada era diventata radioattiva.
Alice accese la radio. Caro Emerald. Bello.
In un attimo, qualcosa si spostò. Alice mise la prima, ma appena ebbe appoggiato la mano sul cambio, qualcosa la tamponò violentemente dietro.
-Ah! Ehi! - si voltò. Un uomo uscì dalla vettura dietro la sua. Alice,alzando gli occhi, scese.
-Ehi, tu! Muoviti, non vedi che avanzano?- le urlava lui.
-Senti, stronzo, te ne vuoi andare a cagare, con il tuo cazzo di suv? Eh? Quanto sono avanzati, eh? Guarda! Guarda! - e si voltò, indicando con il braccio la coda di automobili, ancora ferme. -Saremo avanzati di due centimetri al massimo! Quindi vedi di non rompermi i coglioni , chiaro?! Ho già abbastanza problemi, ci manca pure un cafone rompicoglioni! -
-Ma vai a cagare!- le rispose lui, risalendo in auto.
-Ma vacci tu, stronzo di merda!- . Alice rientrò in auto sbattendo la portiera.
Dopo che l'ingorgo si fu liberato, Alice vide dallo specchietto retrovisore che l'uomo con cui aveva litigato aveva svoltato da un'altra parte.
-Uff... menomale! - si disse.
Parcheggiò l'auto in università. Ma, scendendo, rimase paralizzata, in piedi. L'uomo con cui aveva litigato entrava nella sua stessa aula.
Entrò anche lei, camminando molto lentamente. Non lo vide.
-Ciao, Alice!Come stai?-
-Fabio, ciao! Insomma... viaggio travagliato. Tu?-
-Fammi indovinare... autostrada?-
-Eh, già...-
-Io tutto okay, dai... ah, ecco l'esercitatore!- . Una voce risuonò dal microfono.
-Ciao ragazzi, buon giorno! Sono Francesco Seregni, il vostro nuovo esercitatore. Allora, cominciamo?-.
Alice era paralizzata.

Appena finita l'ora, uscì di gran lena. Si sedette sulla panchina di pietra nel piccolo prato sul retro dell'aula, accendendosi una sigaretta. Rispose un distratto "sì" ad un tizio, che le aveva chiesto se il posto di fianco al suo fosse libero.
-Inizio interessante, eh?-. Alice si girò. Riuscì a ricambiare solo dopo una pausa che le sembrò interminabile.
-...Sì... -
-Avevo paura di non trovare posto, ma ho trovato parcheggio anche per il mio cazzo di suv!-.

Alice e Francesco stanno insieme da tanti anni ormai. Inutile dire che fanno tanto sesso.
avatar
laretta
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 504
Età : 22

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 :: Vetrina Autori :: Opere :: Laretta

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum