agenzie letterarie

Pagina 2 di 6 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: agenzie letterarie

Messaggio Da caspiterina il Lun 17 Ott 2011, 23:52


Morale della favola? Scrivere romanzi di genere?
avatar
caspiterina
Admin
Admin

Messaggi : 4537

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: agenzie letterarie

Messaggio Da Momo il Mar 18 Ott 2011, 09:43

@caspiterina: morale della favola... Boh?
Sono fuori tempo massimo?
Ad ogni modo se a qualcuno interessa vedere com'è fatto il giudizio glielo posso mandare tramite mail.
@Video: sono interessata alla tua esperienza con l'agenzia letteraria. Immagino tu preferisca non scrivere il nome, ma magari puoi cercare di farcelo capire a gestiu... Smile
Non ci crederai, ma durante la mia vacaziella ho letto il tuo romanzo: a breve il mio commento!
@granchio: hai ragione, ma non so se mi sento pronta per Lapis in Gurgos. Mi sembra, non so come dire, troppo importante per una che è stata rifiutata da G&A.
avatar
Momo
Inchiostro Giallo
Inchiostro Giallo

Messaggi : 237
Età : 36
Località : Sconosciuta a Google Earth

Vedi il profilo dell'utente http://www.senzaombrello.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: agenzie letterarie

Messaggio Da Video il Mar 18 Ott 2011, 14:45

Momo ha scritto:
@Video: sono interessata alla tua esperienza con l'agenzia letteraria. Immagino tu preferisca non scrivere il nome, ma magari puoi cercare di farcelo capire a gestiu... Smile
Non ci crederai, ma durante la mia vacaziella ho letto il tuo romanzo: a breve il mio commento!

Aspetto con ansia il commento, spero di non averti rovinato la vacanza Very Happy
Il nome dell'agenzia è: Scritture Scriteriate
avatar
Video
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 700
Età : 48
Località : Milano

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: agenzie letterarie

Messaggio Da Aspide il Mar 18 Ott 2011, 15:02

Io mi sento molto sciocca. Avevo scritto a Nabuk, ma non si sono sbrigati a rispondere, così, ai primi di settembre, ho mandato il tutto a G&Associati. Il giorno dopo mi ha risposto nabuk, ma ormai avevo già spedito il tutto con l'assegno.
Come è scritture scriteriate, Video? Ho visto che fanno molta pubblicità su internet.
Coraggio, Momo, se ti dicessi tutti quelli che hanno rifiutato me!!!
L'ultimo rifiuto l'ho avuto a fine luglio e mi ha provocato uno stato ansioso da cui sto uscendo solo adesso.
Onestamente, meglio che la finisco.
Vi lascio. devo preparare un compito e mi ci vuole un sacco di tempo.
avatar
Aspide
Inchiostro Blu
Inchiostro Blu

Messaggi : 1953
Località : Montagne appenniniche

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: agenzie letterarie

Messaggio Da Momo il Mar 18 Ott 2011, 15:21

Sì, Asp, l'ansia è un effetto collaterale di questo genere di tentativi. La conosco molto bene!
In realtà ai rifiuti credo di averci fatto il callo e non me la sono presa... ad avermi lasciato una certa amarezza è il fatto che apprezzino le mie (a sentir loro) evidenti qualità letterarie e ciononostante non vogliano investire su di me per una questione commerciale. Immagino che in quanto agenzia abbiano sottomano anche editori un po' più di nicchia e un po' meno commerciali, no?
I casi sono due:
- la situazione è davvero davvero deprimente, l'editoria è totalmente dominata dal dio soldo che non c'è nessuno che abbia voglia di investire, semplicemente, in cultura
- riempiono di complimenti tutti quelli che mandano loro il proprio manoscritto, per evitare che se la prendano e incoraggiandoli in tal modo a pagare anche per il prossimo manoscritto Laughing (in tal caso, tolta anche la sincerità, gli euri spesi mi sembrerebbero troppi). C'è però da ribadire che mi sembra abbiano letto con molta attenzione quello che ho scritto.
A questo punto sono curiosa di sapere come va a te. In bocca al lupo!!!
avatar
Momo
Inchiostro Giallo
Inchiostro Giallo

Messaggi : 237
Età : 36
Località : Sconosciuta a Google Earth

Vedi il profilo dell'utente http://www.senzaombrello.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: agenzie letterarie

Messaggio Da Momo il Mar 18 Ott 2011, 15:23

@Video: non metterti in ansia, il tuo romanzo mi ha divertita e mi ha tenuto compagnia! Naturalmente ti scriverò con dovizia di particolari ciò che ho apprezzato e ciò che a mio parere potrebbe essere perfezionato.
avatar
Momo
Inchiostro Giallo
Inchiostro Giallo

Messaggi : 237
Età : 36
Località : Sconosciuta a Google Earth

Vedi il profilo dell'utente http://www.senzaombrello.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: agenzie letterarie

Messaggio Da Video il Mar 18 Ott 2011, 15:29

la mia esperienza?
A settembre dello scorso anno ho inviato il manoscritto, lo hanno letto e hanno fatto una piccola scheda (costo 36 euro) dicendosi interessati a rappresentarlo ma solo dopo un editing (costo 500 euro circa). ero piuttosto restio a sborsare quella somma, ma dai commenti ricevuti dopo Io scrittore ho capito che il testo aveva bisogno di essere rivisti, in quei giorni per fortuna ho vinto più di 500 euro con una scommessa (io faccio il ricevitore, lotto, enalotto e scommesse sportive e ogni tanto oltre a preparare quelle per i clienti ne faccio qualcuna anche per me) e così ho deciso di considerarlo un segno del destino e ho pagato il costo per l'editing.
tra bnovembre e fine marzo abbiamo lavorato al testo, con lui che sottolineava le parti che non lo convincevano o che avevano bisogno di essere approfondite, e io che rilavoravo al testo e lo rispedivo. In tutto ci siamo palleggiati il manoscritto per 4 o 5 volte, ma alla fine sono stato soddisfatto del risultato (la versione che ho dato in lettura a Momo è quella definitiva, quindi magari potrà dare lei un paere meno interessato). a marzo mi hanno inviato una lista di sei editori a cui mandare il manoscritto più una sinossi e una presentazione del testo. l'ho approvata e abbiamo inviato il tutto.
giusto l'altro giorno, come ho detto, ho avuto le prime risposte.
in generale Davide, il mio omonimo dell'agenzia, mi è sembrato corretto, mi ha subito detto - prima dell'editing - che il mio testo gli piaceva ma che la cosa non significava più di tanto perchè per essere pubblicati c'è bisogno anche di fortuna (quella di incappare nel lettore giusto, dell'umore giusto ecc... ) e che (come ovvio) non poteva assicurarmi niente, se avessi deciso di spendere quei soldi avrei anche potuto trovarmi con un pugno di mosche in mano, a parte la soddisfazione personale di aver messo a posto il mio lavoro. Lui era disposto a scommetterci e a impiegare il suo tempo per proporlo.
Questo approccio mi è piaciuto e così sono partito. a questo punto molto dipende da quanto si sbatteranno per proporre fattivamente il mio testo. Per ora non posso dare un giudizio in merito a questo, mi aspettavo che passando tramite agenzia avrei avuto risposte più celeri, ma così non è stato (anche perché i primi editori contattati erano medio grandi) magari quando passeremo a editori più piccoli, con i quali hanno già lavorato in precedenza, i risultati saranno diversi.
Ecco tutto, se vi va vi terrò informati.
avatar
Video
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 700
Età : 48
Località : Milano

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: agenzie letterarie

Messaggio Da Aspide il Mar 18 Ott 2011, 15:34

Io credo che sia proprio un momentaccio, sai Momo? Ho firmato un anno e mezzo fa un contratto con un editore che pubblica racconti illustrati. Ancora niente. non ci sono i soldi. Credo che lavorassero con fondi comunali. Tagliati, logicamente. Il problema è che io non ho più il mio racconto per i prossimi 25 anni. Ma in fondo, chi l'avrebbe voluto?
Torno al lavoro se no sono in un mare di guai.
avatar
Aspide
Inchiostro Blu
Inchiostro Blu

Messaggi : 1953
Località : Montagne appenniniche

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: agenzie letterarie

Messaggio Da Momo il Mar 18 Ott 2011, 16:10

Su su su, niente tristezze, Aspide. Non dobbiamo buttarci giù. Al massimo ti concedo un giro di spritz nella piazza dei Grandi Scrittori Incompresi... ma possibile che tengano bloccato il tuo racconto anche se non possono pubblicarlo? Non c'è una clausola, che so, che stabilisce il tempo massimo entro cui dovrebbe essere pubblicato?
... Anzi, non me l'ero sentita di scrivere nulla nella Piazza dei Grandi Scrittori Incompresi dopo aver vinto Subway Letteratura, ma ora sono passati alcuni mesi senza che null'altro accadesse e quindi sono abbastanza carica da poterci tornare. Credo che presto spalancherò laggiù le dighe della mia amarezza.

La tua agenzia sembra interessante, Video. Quindi lavorano anche con editori grandini, mmmh. Ci farò un pensierino, anche se al momento sto pensando di partecipare al concorso La Giara e ho solo quel romanzo pronto (ne ho un altro in preparazione ma necessita ancora di molto lavoro).
avatar
Momo
Inchiostro Giallo
Inchiostro Giallo

Messaggi : 237
Età : 36
Località : Sconosciuta a Google Earth

Vedi il profilo dell'utente http://www.senzaombrello.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: agenzie letterarie

Messaggio Da nick mano fredda il Mer 19 Ott 2011, 09:48

Faccio una domanda idiota, proprio da Grande Capo Estiqaatsi: ma perché le agenzie letterarie si comportano diversamente dalle agenzie immobiliari?

Voglio dire, le agenzie immobiliari non chiedono soldi, tu gli firmi un mandato e loro provano a venderti casa.

Le agenzie letterarie invece ti chiedono soldi, e poi provano a piazzarti il manoscritto.

Perché?

Risposta di Grande Capo: perché le agenzie immobiliari hanno un bene che sanno di poter vendere e quindi accettano il rischio di guadagnare a vendita avvenuta, mentre le agenzie letterarie hanno un bene che sanno che non venderanno praticamente mai e quindi ti chiedono i soldi prima.

Detto in altre parole: la richiesta di soldi è inversamente proporzionale all'andata in porto della vendita.

Detto in altre parole: ti chiedono soldi? non glieli dare.

Questo Estiqaatsi pensa.
avatar
nick mano fredda
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 990
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: agenzie letterarie

Messaggio Da Sall il Mer 19 Ott 2011, 10:11

Grazie Video e Momo per aver condiviso le vostre esperienze. Sono davvero molto interessanti anche perché io non ho mai provato nulla di simile. Spero vada tutto a buon fine.
Simpatica la riflessione di nick Very Happy
Ma una domanda: è mai successo che, dopo aver sborsato 500 euro, dicessero che il testo fa schifo? Cioè se uno manda un testo pessimo e vuole utilizzare questo servizio sono onesti e dicono "guarda non hai nemmeno mezza possibilità" oppure si prendono i soldi e poi chi vivrà vedrà?

_________________
pluralis maiestatis, lo usano anche i giornalisti!
avatar
Sall
Founder
Founder

Messaggi : 5003
Località : Venezia

Vedi il profilo dell'utente http://www.inchiostroepatatine.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: agenzie letterarie

Messaggio Da caspiterina il Mer 19 Ott 2011, 14:06


A proposito delle agenzie letterarie, negli USA loro lavorano come dice Nick, come le immobiliarie... Prendono una percentuale sulla vendito dell'"oggetto"
avatar
caspiterina
Admin
Admin

Messaggi : 4537

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: agenzie letterarie

Messaggio Da Aspide il Mer 19 Ott 2011, 14:08

caspiterina ha scritto:
A proposito delle agenzie letterarie, negli USA loro lavorano come dice Nick, come le immobiliarie... Prendono una percentuale sulla vendito dell'"oggetto"

Anche qui prendono una percentuale, Casp. Solo che prima li devi pagare. funziona così Neutral
avatar
Aspide
Inchiostro Blu
Inchiostro Blu

Messaggi : 1953
Località : Montagne appenniniche

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: agenzie letterarie

Messaggio Da Ratsy il Mer 19 Ott 2011, 14:40

Aspide ha scritto:
caspiterina ha scritto:
A proposito delle agenzie letterarie, negli USA loro lavorano come dice Nick, come le immobiliarie... Prendono una percentuale sulla vendito dell'"oggetto"

Anche qui prendono una percentuale, Casp. Solo che prima li devi pagare. funziona così Neutral

D'altra parte, è normale pagare il tempo che dedicano alla lettura del racconto e alla redazione di un "rapporto" professionale... Le agenzie immobiliari non le paghi in anticipo se cerchi casa, ma quando sei il venditore mi sembra di sì invece! Altrimenti come farebbero a pagare gli agenti di vendita? La sola, eventuale, percentuale per la vendita di una casa non basta a pagare il proprietario dell'agenzia più le spese, più l'agente immobiliare che forse ci ha lavorato per 3 mesi...

Difendiamo le povere agenzie letterarie indifese!!!

Scherzo...

Scusate, è la fame Shocked



Comunque alla fine 400 euro non sono pochi ma neanche tantissimi, posso chiedervi il numero di cartelle che avete inviato?
avatar
Ratsy
Admin
Admin

Messaggi : 4292
Località : Nel ventre della balena

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: agenzie letterarie

Messaggio Da Aspide il Mer 19 Ott 2011, 15:13

Erano 255.000 battute. Quindi, più o meno, 140 cartelle.
avatar
Aspide
Inchiostro Blu
Inchiostro Blu

Messaggi : 1953
Località : Montagne appenniniche

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: agenzie letterarie

Messaggio Da caspiterina il Mer 19 Ott 2011, 17:21

Aspide ha scritto:
Coraggio, Momo, se ti dicessi tutti quelli che hanno rifiutato me!!!


Ah no, scusami ma qui vinco io! Ho avuto molti più rifiuti di voi! Razz


avatar
caspiterina
Admin
Admin

Messaggi : 4537

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: agenzie letterarie

Messaggio Da nick mano fredda il Mer 19 Ott 2011, 20:15

Ratsy ha scritto:
Aspide ha scritto:
caspiterina ha scritto:
A proposito delle agenzie letterarie, negli USA loro lavorano come dice Nick, come le immobiliarie... Prendono una percentuale sulla vendito dell'"oggetto"

Anche qui prendono una percentuale, Casp. Solo che prima li devi pagare. funziona così Neutral

D'altra parte, è normale pagare il tempo che dedicano alla lettura del racconto e alla redazione di un "rapporto" professionale... Le agenzie immobiliari non le paghi in anticipo se cerchi casa, ma quando sei il venditore mi sembra di sì invece! Altrimenti come farebbero a pagare gli agenti di vendita? La sola, eventuale, percentuale per la vendita di una casa non basta a pagare il proprietario dell'agenzia più le spese, più l'agente immobiliare che forse ci ha lavorato per 3 mesi...

Difendiamo le povere agenzie letterarie indifese!!!

Scherzo...

Scusate, è la fame Shocked



Comunque alla fine 400 euro non sono pochi ma neanche tantissimi, posso chiedervi il numero di cartelle che avete inviato?

no, le agenzie immobiliari non chiedono niente al venditore (che altrimenti non gli dà l'incarico) e prendono la percentuale dall'acquirente... è come se le agenzie letterarie non chiedessero niente all'autore e prendessero la percentuale dall'editore che acquista i diritti... follia
avatar
nick mano fredda
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 990
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: agenzie letterarie

Messaggio Da Momo il Mer 19 Ott 2011, 23:55

Sall ha scritto:Ma una domanda: è mai successo che, dopo aver sborsato 500 euro, dicessero che il testo fa schifo? Cioè se uno manda un testo pessimo e vuole utilizzare questo servizio sono onesti e dicono "guarda non hai nemmeno mezza possibilità" oppure si prendono i soldi e poi chi vivrà vedrà?
Bene, è quello per l'appunto che mi sono chiesta io.
In qualche forum ho però letto che è successo anche che un'agenzia letteraria consigliasse ad un autore di tornare a riporre il suo manoscritto in un cassetto.
In fin dei conti, quello per cui si paga è un giudizio il più possibile sincero e obiettivo. Se si scoprisse che le agenzie letterarie non fanno altro che adulare lo scrittore, ne risulterebbe che a un esordiente non servono proprio a nulla!
Magari se tanti di noi condividono le proprie esperienze in merito capiremo un po' meglio come funziona la cosa.
avatar
Momo
Inchiostro Giallo
Inchiostro Giallo

Messaggi : 237
Età : 36
Località : Sconosciuta a Google Earth

Vedi il profilo dell'utente http://www.senzaombrello.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: agenzie letterarie

Messaggio Da Momo il Gio 20 Ott 2011, 00:01

nick mano fredda ha scritto:
no, le agenzie immobiliari non chiedono niente al venditore (che altrimenti non gli dà l'incarico) e prendono la percentuale dall'acquirente...
Che io sappia, le agenzie immobiliari si prendono una percentuale E dal venditore E dal compratore... La differenza è che se la prendono quando avviene la vendita e non prendono soldi prima. E c'è un'altra differenza importante, secondo me: un'immobiliare può anche rifilare a un acquirente una ciofeca... si prende la sua percentuale e poi se ne va a vendere altre ciofeche ad altri acquirenti. Non sono molte le persone che comprano ben due case dalla stessa agenzia, pertanto l'agenzia non è particolarmente stimolata a fare un bel lavoro, ma è particolarmente stimolata a cercar di vendere qualsiasi cosa smerciabile si trovi sotto mano.
Se un'agenzia letteraria sbologna una ciofeca a un editore, che potrebbe essere suo cliente anche in futuro, rischia di perdere il cliente... motivo per cui le agenzie letterarie fanno molta più selezione delle immobiliari! (fonte: triste esperienza personale sulle agenzie immobiliari...) Very Happy
avatar
Momo
Inchiostro Giallo
Inchiostro Giallo

Messaggi : 237
Età : 36
Località : Sconosciuta a Google Earth

Vedi il profilo dell'utente http://www.senzaombrello.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: agenzie letterarie

Messaggio Da caspiterina il Gio 20 Ott 2011, 02:39

Aspide ha scritto:

Casp, come fai a sapere che hai avuto più rifiuti di me? L'ultimo è stato veramente devastante.

Possiedo una cartella con tutti i rifiuti cartacei ricevuti in undici anni di scrittura! (Quelli silenziosi mancano, ovviamente. ) Sono pronta a scommettere che non mi batte nessuno - purtroppo... Crying or Very sad
Nel mio caso sono state devastanti le due volte in cui ho ricevuto proposte di pubblicazione!
avatar
caspiterina
Admin
Admin

Messaggi : 4537

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: agenzie letterarie

Messaggio Da nick mano fredda il Ven 21 Ott 2011, 09:43

Momo ha scritto:
nick mano fredda ha scritto:
no, le agenzie immobiliari non chiedono niente al venditore (che altrimenti non gli dà l'incarico) e prendono la percentuale dall'acquirente...
Che io sappia, le agenzie immobiliari si prendono una percentuale E dal venditore E dal compratore... La differenza è che se la prendono quando avviene la vendita e non prendono soldi prima. E c'è un'altra differenza importante, secondo me: un'immobiliare può anche rifilare a un acquirente una ciofeca... si prende la sua percentuale e poi se ne va a vendere altre ciofeche ad altri acquirenti. Non sono molte le persone che comprano ben due case dalla stessa agenzia, pertanto l'agenzia non è particolarmente stimolata a fare un bel lavoro, ma è particolarmente stimolata a cercar di vendere qualsiasi cosa smerciabile si trovi sotto mano.
Se un'agenzia letteraria sbologna una ciofeca a un editore, che potrebbe essere suo cliente anche in futuro, rischia di perdere il cliente... motivo per cui le agenzie letterarie fanno molta più selezione delle immobiliari! (fonte: triste esperienza personale sulle agenzie immobiliari...) Very Happy


d'accordo, forse sono stato un po' troppo drastico.... mettiamola così, se tu vivi in una grande città e pubblichi un annuncio "vendo appartamento" nel giro di ventiquattr'ore ti arrivano così tante telefonate di agenzie immobiliari che si offrono di venderti l'appartamento in cambio del 5% di provvigione, poi del 4%, poi del 3, del 2, dell'1, alla fine c'è quello che pur di avere l'incarico non ti chiede provvigione... probabilmente se metti lo stesso annuncio in un piccolo centro dove c'è una sola agenzia immobiliare e nessuno risponde all'annuncio e dopo qualche giorno sei tu che vai dall'agenzia per chiedergli di venderti casa ci sta che ti chieda la provvigione... e comunque, l'hai detto, il punto è un altro, che anche in quel caso tu paghi solo al momento della vendita, le agenzie letterarie invece chiedono di essere pagate subito, in cambio di? niente...insomma, per me un'agenzia dovrebbe comportarsi in modo diverso, per esempio, se crede davvero in un lavoro, non chiede niente d'anticipo ma si prende una parte dei diritti d'autore, anche il 50%, anche il 100%, tanto stiamo parlando di un'opera alla quale ne seguiranno altre, no?
avatar
nick mano fredda
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 990
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: agenzie letterarie

Messaggio Da Ratsy il Ven 21 Ott 2011, 11:34

Si ma l'agenzia non può "credere in te" prima di averti letto, e siccome crederà in un racconto su cinquecento, mi sembra normale che chieda un'anticipo, per il lavoro preliminare che dovrà fornire, che il racconto sia buono o meno. Per continuare col paragone dell'agenzia immobiliare, almeno loro hanno un' idea relativamente precisa del valore e dell'apertura di mercato del bene che vuoi vendere. Con un racconto bisogna prima leggerlo, e poi, anche se ti piace, anche se ci credi, il mondo editoriale è così assurdo che non puoi dare nessuna garanzia di vendita. Tutti vorrebbero una casa di proprietà, il problema è quasi solo economico. L'editoria è ricca, il problema è diventato di profitto, con orribili conseguenze culturali. Insomma, se chi lavora nell'agenzia letteraria ha le amicizie giuste, il romanzo passa, che sia capolavoro o solamente "vendibile". Altrimenti, sarò negativa ma non ci credo molto. Per me un'agenzia serve a titolo personale, per avere un giudizio il più professionale possibile sulla qualità dell'opera, ed è normale che per questo servizio si paghi.

Io credo così ma non ho un'esperienza personale diretta, quindi potrei anche scrivere cavolate Very Happy
avatar
Ratsy
Admin
Admin

Messaggi : 4292
Località : Nel ventre della balena

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: agenzie letterarie

Messaggio Da Video il Ven 21 Ott 2011, 12:20

Trascrivo parte di una discussione sulle agenzie letterarie che ho avuto su writer's dream, ci sono le mie considerazioni e le risposte che ho ricevuto dal titolare dell'agenzia a cui, poi, mi sono rivolto. Magari possono risultare utili.

il mio post:
Ciao Davide (ti do del tu come da te richiesto e visto che siamo omonimi), dato la tua disponibilità volevo farti alcune domande.
Premetto che mi sono rivolto a un'agenzia letteraria con un mio manoscritto e che, dopo aver ricevuto una valutazione positiva mi è stato detto che il lavoro aveva bisogno di un editing e che, per quel servizio, avrei dovuto pagare una discreta somma.
A quel punto mi sono fermato.
Nella mia visione idealistica del mondo editoriale credevo che le cose seguissero un copione di questo tipo:
un'agenzia ritiene un lavoro valido e ha un canale privilegiato con alcuni editori segnala l'autore dicendo una cosa tipo “Guarda, fatto salvo che bisogna lavorare sul testo per metterlo a punto, credo che valga la pena pubblicarlo”
L'editore legge il manoscritto e, se lo trova buono, decide che vale la pena di pubblicarlo e, a questo punto, entra in scena l'editing (che dovrebbe essere a carico dell'editore)
Capirei se l'agenzia si facesse pagare un servizio quale l'assistenza legale nella stipula del contratto ma questa dell'editing è una cosa che mi sfugge.
Per chiarire meglio il concetto, se ho la sfortuna di rivolgermi a un' agenzia non proprio seria che si limita a mandare a tutti coloro che inviano manoscritti una lettera in cui si dichiarano entusiasti della loro opera avvertendo però che la stessa necessita di un servizio di editing e che il suddetto servizio ha un costo di 1200 euro, che tipo di assicurazione ho che l'agenzia, una volta incassati i soldi, si muova seriamente per cercare di far pubblicare il libro?
In fondo con tre o quattro editing al mese si può campare benissimo senza fare altri sforzi. L'editing a pagamento non somiglia in maniera inquietante alla pubblicazione a pagamento?
Non sarebbe meglio chiedere, per esempio, un contributo di 50 euro per la lettura e poi, in caso di valutazione positiva un altro contributo di 150 euro a copertura delle spese per un anno di rappresentanza?
Per evitare che sorgano malintesi voglio chiarire che non conosco la tua agenzia e che l'esempio sopra fatto non era in nessun modo rivolto a te (piuttosto erano i ragionamenti che ho fatto riguardo all'agenzia che ho contattato). Mi interessava invece approfittare della tua disponibilità per conoscere il parere di un esperto del settore e magari capire dove e perché il mio ragionamento fa acqua.

La risposta dell'agente:
Ciao
Il tuo ragionamento non fa acqua, nel complesso, però è da valutare meglio. Ti dico la mia, prendendo punto per punto le tue considerazioni.
L'editore legge il manoscritto e, se lo trova buono, decide che vale la pena di pubblicarlo e, a questo punto, entra in scena l'editing (che dovrebbe essere a carico dell'editore)In teoria dovrebbe essere così: l’agente vede le potenzialità del testo e lo propone, l’editore vede le stesse potenzialità e si assume l’onere dell’editing. È giusto, però mi permetto di darti alcune informazioni che, se non giustificano appieno certi comportamenti, per lo meno li spiegano.
Ammettiamo che il tuo testo abbia delle potenzialità e che alcune lacune ne ostacolino il pieno attuarsi. Cosa dovrebbe fare l’agente? Dovrebbe provare in ogni caso a cercare un editore o dovrebbe aiutarti a eliminare i problemi del testo (a pagamento: su questo, credo, non si sono discussioni da fare. Un discorso a parte andrebbe fatto su quanto pagare il lavoro, ma è, appunto, un altro discorso, se vuoi ne riparliamo). Se pensi che ogni anno arrivano in redazione centinaia (e non esagero) di manoscritti, non è vero che un testo migliorato ha maggiori possibilità di emergere? Io ho lavorato in casa editrice, e posso assicurarti che la lettura di un testo è piuttosto “sbrigativa”: se non c’è subito appeal, lo si cestina e le potenzialità rimangono inespresse. Dunque, sul tuo ragionamento (che, ripeto, è giusto) bisognerebbe applicare una serie di parametri: il testo ha un livello tale da far vedere subito il proprio valore? L’editing è consigliabile ma l’agente vuol comunque provare la ricerca (quindi decide l’autore se investirci o provare) o necessario? E qui arriviamo al nocciolo della questione: l’onestà.
Un agente potrebbe puntare solo all’editing, e con quello guadagnare. È vero: io stesso guadagno con l’editing, con la rappresentanza (in attesa di un bel “colpo”) ci si ripagano (a volte) le spese.
Un agente serio però dice le cose come stanno: se il testo fa schifo lo dice, se il testo ha delle potenzialità ma ci vorrebbe un editing lo dice (specificando se la revisione è consigliabile o necessaria), se il testo è pronto per la ricerca si parte con la ricerca. Quindi, il discorso non verte tanto sulla necessità di un editing (di testi che non ne hanno bisogno io ne ho visti ben pochi) quanto sull’onestà dell’agente. Un agente onesto, quando vede un testo che non ha bisogno di editing lo dice e parte con la ricerca di un editore; però l’agente onesto deve anche dire se una revisione aumenta le possibilità di successo. Io, quando parlo di editing, specifico sempre che questo lavoro non dà garanzie, semplicemente aumenta le chances. Poi sta all’autore decidere.
Che tipo di assicurazione ho che l'agenzia, una volta incassati i soldi, si muova seriamente per cercare di far pubblicare il libro
A priori questa assicurazione non ce l’hai. Però con il tempo puoi valutare, il tuo agente è sempre sotto esame: deve presentarti un elenco di editori che intende contattare, quell’elenco tu lo devi approvare e, se ritieni, integrare; deve mostrarti le lettere di presentazione che invierà agli editori (le quali, a loro volta, dimostrano il suo impegno nel promuovere il libro e nel farlo esattamente con quella singola casa editrice, con quella specifica collana); infine deve mandarti copia della ricevuta di spedizione del manoscritto. Ti ripeto, a priori non lo sai, lo vedi con il tempo.
L'editing a pagamento non somiglia in maniera inquietante alla pubblicazione a pagamento?Le due pratiche hanno in comune una spesa per l’autore, è vero, però farei dei distinguo. Con l’editore a pagamento sei pubblicato, e poi – quasi sempre – il tuo libro marcisce in magazzino, quindi più che di pubblicare (rendere pubblico) io parlerei di stampare. Allora tanto vale farsi un po’ di copie da regalare agli amici e inviare ai concorsi. Anzi, meglio ancora, si apre la partita IVA come editore, si investono poche centinaia di euro con google adwords e si vende il libro in internet.
Pagando l’editing, semplicemente, si investe per avere più possibilità di essere letti da case editrici serie (sempre a condizione che l’agente sia serio, si impegni davvero, l’editing sia necessario o consigliabile). L’autore che ha di fronte un agente serio ha la possibilità di decidere se investire o meno. Chi si trova nelle mani di un agente disonesto, ci rimette. Ma questa è una banalità, dato che vale in ogni campo della vita.
Non sarebbe meglio chiedere, per esempio, un contributo di 50 euro per la lettura e poi, in caso di valutazione positiva un altro contributo di 150 euro a copertura delle spese per un anno di rappresentanza? Sicuro? Ci potrebbe essere l’agente disonesto che chiede un contributo di 100 euro (è facilmente dimostrabile che 50 euro non bastano a coprire le spese di lettura, quindi di autori disposti a pagarne 100 se ne trovano in quantità), poi ne chiede altri 150 per la rappresentanza e vive di quello, senza fare l’agente. Di nuovo, il discrimine è tra onesti e disonesti.
Per concludere: io non voglio dire che l’autore deve per forza spendere, dico semplicemente che l’agente onesto deve metterlo in condizione di scegliere con cognizione di causa.
avatar
Video
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 700
Età : 48
Località : Milano

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: agenzie letterarie

Messaggio Da Ratsy il Ven 21 Ott 2011, 13:06

Mah, per me hanno solo trovato un nuovo modo di fare soldi sulle speranze della gente.

Sono d'accordo sul pagamento della lettura, finché non sorpassa diciamo i 200-300 euro. Ma questa storia dell'editing è presentata troppo bene, il discorso fila troppo liscio per dire, mi sa da presa per i fondelli. se un testo è valido, è valido e punto. L'editing non riscrive la storia né lo stile, l'editing non c'entra niente con il sussulto che fa il cuore quando sa che questo è il testo.

Ma forse oggi sono di cattivo umore, non saprei...
avatar
Ratsy
Admin
Admin

Messaggi : 4292
Località : Nel ventre della balena

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: agenzie letterarie

Messaggio Da Aspide il Ven 21 Ott 2011, 13:16

Ratsy ha scritto:Mah, per me hanno solo trovato un nuovo modo di fare soldi sulle speranze della gente.

Sono d'accordo sul pagamento della lettura, finché non sorpassa diciamo i 200-300 euro. Ma questa storia dell'editing è presentata troppo bene, il discorso fila troppo liscio per dire, mi sa da presa per i fondelli. se un testo è valido, è valido e punto. L'editing non riscrive la storia né lo stile, l'editing non c'entra niente con il sussulto che fa il cuore quando sa che questo è il testo.

Ma forse oggi sono di cattivo umore, non saprei...

No, Rat, hai perfettamente ragione. Però anche noi abbiamo il diritto di provarci. Exclamation
avatar
Aspide
Inchiostro Blu
Inchiostro Blu

Messaggi : 1953
Località : Montagne appenniniche

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: agenzie letterarie

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 6 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum