Il mezzo fritto di Marcovaldo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Il mezzo fritto di Marcovaldo

Messaggio Da nick mano fredda il Lun 24 Giu 2013, 00:23

Accadde che la moglie Domitilla, per ragioni sue, comprò una grande quantità di salciccia. E per tre sere di seguito a cena Marcovaldo trovò salciccia e rape. Ora, quella salciccia doveva essere di cane; solo l'odore bastava a fargli scappare l'appetito. Quanto alle rape, quest'ortaggio pallido e sfuggente era il solo vegetale che Marcovaldo non avesse mai potuto soffrire.
A mezzogiorno, di nuovo: la sua salciccia e rape fredda e grassa lì nella pietanziera. Smemorato com'era, svitava sempre il coperchio con curiosità e ghiottoneria, senza ricordarsi quel che aveva mangiato ieri a cena, e ogni giorno era la stessa delusione. Il quarto giorno, ci ficcò dentro la forchetta, annusò ancora una volta, s'alzò dalla panchina, e reggendo in mano la pietanziera aperta s'avviò distrattamente per il viale. I passanti vedevano quest'uomo che passeggiava con in una mano una forchetta e nell'altra un recipiente di salciccia, e sembrava non si decidesse a portare alla bocca la prima forchettata.
Da una finestra un bambino disse: - Ehi, tu, uomo!
Marcovaldo alzò gli occhi. Dal piano rialzato di una ricca villa, un bambino stava con i gomiti puntati al davanzale, su cui era posato un piatto.
- Ehi, tu, uomo! Cosa mangi?
 Salciccia e rape!
- Beato te! - disse il bambino.
- Eh... - fece Marcovaldo, vagamente.
- Pensa che io dovrei mangiare fritto di cervella...
Marcovaldo guardò il piatto sul davanzale. C'era una frittura di cervella morbida e riccioluta come un cumulo di nuvole. Le narici gli vibrarono.
- Perché: a te non piace, il cervello?... - chiese al bambino.
- No, m'hanno chiuso qui in castigo perché non voglio mangiarlo. Ma io lo butto dalla finestra.
- E la salciccia ti piace?
- Oh, sì, sembra una biscia... A casa nostra non ne mangiamo mai...
- Allora tu dammi il tuo piatto e io ti do il mio.
 Evviva! - Il bambino era tutto contento. Porse all'uomo il suo piatto di maiolica con una forchetta d'argento tutta ornata, e l'uomo gli diede la pietanziera colla forchetta di stagno.
Così si misero a mangiare tutti e due: il bambino al davanzale e Marcovaldo seduto su una panchina lì di fronte, tutti e due leccandosi le labbra e dicendosi che non avevano assaggiato mai un cibo così buono.
Quand'ecco, alle spalle del bambino compare una governante colle mani sulle anche.
- Signorino! Dio mio! Che cosa mangia?
- Salciccia! - fa il bambino.
- E chi gliel'ha data?
- Quel signore lì, - e indicò Marcovaldo che interruppe il suo lento e diligente mastichio d'un boccone di cervello.
- Butti via! Cosa sento! Butti via!
- Ma è buona...
- E il suo piatto? La forchetta?
- Ce l'ha il signore... - e indicò di nuovo Marcovaldo che teneva la forchetta in aria con infilzato un pezzo di cervello morsicato.
Quella si mise a gridare: - Al ladro! Al ladro! Le posate!
Marcovaldo s'alzò, guardò ancora un momento la frittura lasciata a metà, s'avvicinò alla finestra, posò sul davanzale piatto e forchetta, fissò la governante con disdegno, e si ritrasse. Sentì la pietanziera rotolare sul marciapiede, il pianto del bambino, lo sbattere della finestra che veniva richiusa con mal garbo. Si chinò a raccogliere pietanziera e coperchio. S'erano un po' ammaccati; il coperchio non avvitava più bene. Cacciò tutto in tasca e andò al lavoro.      

Calvino, Marcovaldo





Fritto alla romana

Ingredienti:

100 gr. di cervella di abbacchio o di vitello
100 gr. di animelle di abbacchio
100 gr. di mozzarella
100 gr. di ricotta
2 carciofi 
100 gr. di ortaggi di stagione
100 gr. di mele

Cervello e animelle andrebbero preparati in un modo abbastanza laborioso, quindi meglio comprarli già preparati. 
La mozzarella e la ricotta si tagliano in pezzetti di circa cinque centimetri (questo dovreste essere in grado di farlo). Razz 
I carciofi si puliscono e si tagliano a spicchi. 
A questi ingredienti-base si aggiungono gli ortaggi di stagione: cavolfiori, melanzane, zucchine, funghi, oltre alle mele. 
Una volta che tutti gli ingredienti sono pronti e tagliati, si infarinano ancora umidi, così che la farina si attacchi bene, si passano nell'uovo sbattuto e si friggono in olio d'oliva, o, se avete un olio d'oliva del tipo di quelli fatti da Marchionne in Fiat, usate l'olio d'arachide che non tradisce mai.
avatar
nick mano fredda
Inchiostro Verde
Inchiostro Verde

Messaggi : 990
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il mezzo fritto di Marcovaldo

Messaggio Da Bucaneve88 il Dom 05 Lug 2015, 07:39

Complimenti. Pezzo gustosissimo e ricetta interessante. Bravo.
avatar
Bucaneve88
Inchiostro Bianco
Inchiostro Bianco

Messaggi : 62
Età : 29

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum